In ricordo di Giorgio Faletti

Noi italiani abbiamo la cattiva abitudine di osannare gli stranieri in ogni campo, solo perché loro si sanno vendere bene.

Per fortuna ci sono gli stranieri che sanno riconoscere la nostra grandezza.

Jeffery Deaver, scrittore statunitense autore di tanti best seller, di cui forse il più conosciuto è Il collezionista di ossa, inizia il suo ultimo romanzo, Il valzer dell’impiccato, con una dedica a Giorgio Faletti:

Alla memoria del mio amico Giorgio Faletti

Manchi al mondo.

Sono rimasta a dir poco sorpresa! Noi ci riempiamo la bocca di grandi scrittori a stelle e strisce, resi forse ancor più famosi dalle trasposizioni cinematografiche iperpubblicizzate, dimenticandoci dei nostri grandi scrittori. E Giorgio Faletti era tra questi, così come era un grande comico, un bravo attore e un bravo autore di canzoni, insomma un artista della parola, nonché un uomo incredibilmente intelligente. Ed era italiano!

Quando realizzeranno dei film tratti dai suoi romanzi? Bella domanda. Il cinema italiano è un cinema provinciale. Non ci vogliono tanti soldi, ci vogliono belle teste.

A questo punto devo leggermi il romanzo di Deaver, anche perché si svolge in parte a Napoli, casa mia.

Menomale che ci sono gli stranieri ad esaltarci!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: