Recensione o stroncatura?

Difficile recensire un libro di 504 pagine quando ci si è fermati, a fatica, a pag 200. Il problema è che quando io leggo un thriller, io esigo la suspense, se no, è qualcos'altro, un semi-thriller. Allora diciamolo prima. Sto parlando de "Il valzer dell'impiccato" di Jeffery Deaver, per chi non lo conoscesse, è considerato tra... Continue Reading →

Annunci

A una dolce vecchina che non c’è

Quanto vorrei che ora fossi qui, mamma! Sono le 9.15 del 26 maggio 2017 e io sono in un bar minuscolo, seduta accanto alla vetrina, mentre attendo l'orario di apertura della dottoressa e sorseggio un ottimo cappuccino e un gustoso cornetto all'arancia e alla carota. Non so perché ti penso, quando all'improvviso entrano una donna anziana con... Continue Reading →

2017 Racconti dell’orrore

  Immigrescion   Un tardo pomeriggio, il popolare conduttore televisivo Aldo Nebrawsky si era ritrovato sotto casa un gruppetto di giovani giornalisti eccitati e ansiosi come ragazzini davanti a una discoteca. Alquanto seccato, aveva frenato con delicatezza la sua Skoda Kodiaq nera, raggruppando in fretta i pensieri più razionalmente validi, disputando la soluzione più valida... Continue Reading →

I temi di Gallery: l’amicizia

Axel ha un'amica del cuore, Sara, e un'amica virtuale, Gallery. Nell'età adolescenziale le amicizie sono tutto: ti danno affetto, sicurezza, divertimento. Per Axel la loro presenza è invece un rifugio dal quale poi, in un modo o nell'altro, lei stessa tende a scappare. Axel è un'anima inquieta, un marinaio senza terra. Sara è una ragazza... Continue Reading →

In ricordo di Giorgio Faletti

Noi italiani abbiamo la cattiva abitudine di osannare gli stranieri in ogni campo, solo perché loro si sanno vendere bene. Per fortuna ci sono gli stranieri che sanno riconoscere la nostra grandezza. Jeffery Deaver, scrittore statunitense autore di tanti best seller, di cui forse il più conosciuto è Il collezionista di ossa, inizia il suo... Continue Reading →

I temi di Gallery: la solitudine

Axel mise il computer in stand by e aprì il libro di storia. Le piaceva la storia, era una delle sue materie preferite. Il Settecento, in particolare, l’aveva affascinata molto, con le sue corti fastose, le donne dalle grandi parrucche, i vestiti in stoffe preziose, gli uomini audaci e cortesi. Un pomeriggio si era anche... Continue Reading →

Microracconto

Della bambina di dieci anni prima – mi chiedevo disperato – che cosa era rimasto? Ma a pensarci bene, in fondo in fondo, a me, cosa me ne fregava? Non era lei, forse, quello stecchino con le trecce che si divertiva a farmi le linguacce ogni volta che mi recavo alla lavagna? Che mi rideva... Continue Reading →

Narrativa e contemporaneità

Di cosa parlano molti romanzi di oggi? Di relazioni, di sentimenti, di affettività. Certo, essi sono alla base dell'esistenza umana, peccato che manchi qualcosa: un sano realismo e una collocazione temporanea. Perché un romanzo abbia valore è necessario che la storia, per quanto inventata, sia inserita in un contesto sociale, in un dato tempo storico. I personaggi devono essere... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑